Buon anno, amico di ieri.


Una dedica particolare ai nostri amici, a tutti coloro che non solo a capodanno o a Natale si ricordano di te, a tutti quelli di cui non si potrebbe farne a meno, a tutti quelli che vivono le emozioni e qualche volta le condividono con te.

“Vento di autunno intriso di sabbia” è un verso che ha accompagnato i sogni della mia gioventù che oggi, con un filo di calima, sto vivendo.

Buon 2017 a tutti. E non dimenticate di ascoltare, magari ogni tanto, la buona musica.

 

 

Città vuota

Esiste un giorno all’anno in cui di sera Las Palmas sia quasi del tutto deserta con ristoranti e bar chiusi e pochissime persone a zonzo per le strade di solito affollatissime?
A ferragosto? Naaaa
Alla vigilia di Natale? Siiiiì.
E’ davvero strano vedere una città di solito così frequentata con persone che passeggiano a tutte le ore del giorno e della notte essere praticamente se stessa senza presenze umane.

Perché vuota la sera della vigilia di Natale? Semplice perchè tutti hanno diritto a trascorrere la festa in famiglia e/o con amici. Tutti inclusi i lavoratori, i camerieri, i gestori dei locali e chiunque voglia la sua intimità.
Natale non è solo regali e consumismo. E’ anche un momento di ritrovo con i propri cari.

Le 20 regole per guidare a Las Palmas

  1. Quando il semaforo è giallo (o arancione per chi preferisce) lampeggiante, i pedoni posso attraversare: quindi occhio a dx e sx!
  2. Se scatta il verde ed attendi più di 2 secondi qualcuno dietro ti suonerà (e questo avviene anche in Italia); ma se accompagni il figlio davanti alla scuola e ti fermi per farlo scendere e se anche tu scendi per accompagnarlo nessuno ti suonerà per tutto il tempo che utilizzerai
  3. I taxi sono gentili e ti danno la precedenza se hai sbagliato corsia e vuoi rientrare
  4. Quando attraversi la strada ed intorno c’è assoluto silenzio, non fidarti delle sole tue orecchie: molte auto sono ibride (elettriche) e non fanno alcun rumore
  5. Anche se hai bevuto un paio di birre, non metterti subito alla guida. La tolleranza alcolica è prossima allo zero e rischi il sequestro dell’auto, della patente ed un processo penale
  6. La polizia c’è sempre, anche se non la vedi. Occhio ai limiti, specie sulla autovìa (la nostra autostrada)
  7. Se subisci o provochi un incidente, chiama sempre il 112 e fai redigere un verbale
  8. Gli automobilisti qui sono educati e rilassati: non si vedono gestacci o maleducazioni stradali. Guida rilassato.
  9. I pedoni sulle strisce hanno SEMPRE la precedenza. Quando ti approcci ad un passaggio pedonale guarda sempre i pedono che sono nelle vicinanze e cerca di capire se vogliono attraversare. Fermati sempre: ci sono multe salatissime se non lo fai.
  10. Ci sono centinaia di corsie preferenziali per ciclisti e portatori di handicap: quando attraversi un incrocio guarda sempre anche tali corsie.
  11. Molti autobus (qui li chiamano guagua) hanno l’asse posteriore sterzante: attenzione ad affiancarsi nelle curve a 90 specie se sei in moto
  12. Alcuni posteggi sono a pagamento e vincolati ad una unica permanenza  giornaliera. Porta con te il tuo numero di targa in quanto il tassametro te lo chiederà e, terminato il posteggio, non potrai più posteggiare in quella zona fino al giorno dopo. I costi, rispetto all’Italia, sono ridicoli.
  13. Las Palmas è una città estremamente pulita e civile. Non gettare MAI alcun oggetto dal finestrino. Rischi una forte multa.
  14. Ricorda di tenere efficiente l’impianto frenante, freno a mano incluso. In Las Palmas ci sono salite (e discese) anche del 15%
  15. Attenzione alle moltissime rotonde: ricorda che la corsia più esterna della rotonda è l’unica che consente di uscirne. Se per sbaglio ti trovi nella corsia più interna, devi dare la precedenza a chi è in quella più esterna, altrimenti rischi di tagliargli la strada se non svolta.
  16. Las Palmas è una città a misura di portatori di handicap motori, pertanto ogni incrocio pedonale non ha scalini ma uno scivolo: non posteggiare mai in prossimità di uno di questi: la rimozione forzata impiega pochi minuti dalla segnalazione.
  17. In certi orari della giornata può essere che i posteggi siano colmi o il traffico sia molto elevato. Se devi andare in centro, usa il Taxi. Qui i Taxi, rispetto all’Italia, hanno costi estremamente inferiori (0,64 euro/km) e, come a Londra, puoi prenderli ad alzata di mano (sono tanti e sempre in movimento).
  18. Contrariamente all’Italia, non ci sono buche o strade sconnesse. Il sole però gioca brutti scherzi specie alle prime ore del mattino o al tramonto. Assicurati di avere montata una aletta parasole e/o porta sempre gli occhiali da sole.
  19. Sulla autovia (70km di autostrada gratuita, 3 corsie, illuminata) il limite passa in continuazione da 80 a 120km/h. Occhio a rispettarlo
  20. In Gran Canaria ci sono centinaia di km di strade interne, la maggior parte delle quali in perfetto stato di manutenzione. Tuttavia ci sono un’infinità di curve. Assicurati che chi viaggia con te non soffra il mal d’auto. Nel caso fallo sedere davanti.

Leggi tutto “Le 20 regole per guidare a Las Palmas”

Sanità a Las Palmas

A tutti può capitare un inconveniente di salute più o meno spiacevole e grave. La grande fiducia che una persona deve avere nei confronti del sistema sanitario del proprio Paese è dettata da due fattori fondamentali: la velocità di intervento e la qualità della cura.

Qualche mese fa, M ha sviluppato una tosse consistente, quasi asmatica, specie nelle ore della notte. Ci siamo quindi recati presso l’ospedale Vithas Santa Catalina per fissare una visita. Ecco la cronologia:

Ore 10:00 – In accettazione (non al pronto soccorso)

Ore 10:30 – Visita dal pneumologo il quale prescrive i raggi al torace ed al viso come primo accertamento

Ore 11:00 – Vengono eseguiti i raggi

Ore 11:30 – Vengono consegnate le lastre con il referto

Ore 11:45 – Di nuovo dal pneumologo per la consultazione del referto

Ore 12:30 – Siamo fuori dall’ospedale con la diagnosi (formazione di catarro nelle cavità sub nasali, il quale scendeva in gola e generava la tosse) e relativa prescrizione dei farmaci.

In 2 ore e mezza, senza spendere un solo euro (abbiamo l’assicurazione salute, intorno ai 50 eur/mese) abbiamo risolto il caso.